Home » Didattica » Cartografia

Category Archives: Cartografia

Icone

pieve_nera

ponte_nero

ospitale-nero

 

 

pieve_celeste2

 

ponterosso

 

ospedale-arancio

 

ospedale-giallo

torre

 

voltosanto

 

 

pieve_grigio

pieve_celeste

 

ponte

 

 

 

ponteblu

pieve_verde
Versilia
pieve_rosa
Pescaglia
pieve_arancio
Pistoiese
Val di Lima
Val di Lima
pieve_lilla
Pisa
pieve_giallo
Garfagnana

 

 

 

cerchio_arancione

cerchio_blu

cerchio_giallo

cerchio_verde

trilobite

 

 


 

pieve_giallo

pieve_fucsia

pieve_blu

pieve_verde

ponte giallo

castello

Via Francigena

La carta georeferenziata della Regione Toscana

http://www306.regione.toscana.it/mappe/index_francigena.html?area=francigena_multi_cluster

Fregio - Duomo di Fidenza
Fregio – Duomo di Fidenza

Atlante digitale

Atlante digitale dell’impero romano

http://imperium.ahlfeldt.se/

Mezzaluna fertile

Mario Liverani, Antico Oriente. Storia Società Economia, Laterza, Bari 1988, pp. 63 e ss

Da Liverani, p. 67: in alto la distribuzione dell’einkorn, in basso quella dell’orzo selvatico

Dal sito di Archeo

L’errore nell’indicazione della Mezzaluna Fertile

http://www.historialudens.it/didattica-della-storia/140-eataly-e-la-mezzaluna-fertile.html

Si dirà: ma come siete pignoli voi storici! Eddai, si tratta solo di un piccolo spostamento. Ma sempre lì, siamo. Sempre Vicino Oriente. Ma vi rendete conto che questi ragazzi non sanno nemmeno dov’è il Vicino Oriente e voi a fare una questione di centimetri? (ecc ecc).

Non è così. Le due immagini fissano due concetti e due racconti storici diversi. Per questo si tratta di un errore grave. La prima racconta che la transizione neolitica si produsse nelle regioni dove nascevano spontaneamente gli antenati dei nostri vegetali da pasto (quelli appunto che troviamo così ben confezionati da Eataly). La seconda, invece, ci dice che questo fenomeno si produsse precisamente nel luogo dove si svilupparono le fastose civiltà egizia e mesopotamiche. Al contrario, la prima ci avverte che – proprio mentre si formava il neolitico – quelle terre mesopotamiche (e egizie) erano paludose e invivibili, e che solo dopo qualche migliaio di anni vennero colonizzate da tribù di agricoltori e pastori, che conoscendo le tecniche di regimentazione delle acque,  poterono bonificarle e renderle abitabili.

Quella sbagliata, però, è una ricostruzione di successo. Mette insieme, in un colpo solo, chi “inventa” l’agricoltura e chi “inventa” la civiltà. Il contadino che inventa la zappa e lo scriba che disegna la piramide, chi domestica gli animali e chi inventa la geometria, chi coltiva la terra e chi costruisce le città. Insomma: noi, i civili urbanizzati, siamo quelli. Facile, efficace e coinvolgente. Perciò, questa immagine diventa un’icona e può transitare dai banchi delle scuole all’advertising, dalla storia insegnata a quella pubblica. Ed è stata scelta, credo, non solo per un difetto di informazione, ma anche perché scatena, nell’immaginario del visitatore, un cortocircuito fulmineo fra le sue orecchiette e le grandi civiltà dei fiumi. Fa vendere, è vero, ma, come dicevano due comici baresi, “la cultura è un’altra cosa”.

Categorie

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: